Lettere a Babbo Natale

Lettere a Babbo Natale

Le lettere di Natale che i bambini scrivono a Babbo Natale sono sempre cariche di speranza, spesso sono ingenue e talvolta piuttosto buffe. Quello che le accomuna è l’enorme senso di fiducia che i bambini nutrono nella figura di Babbo Natale.
Ecco alcune lettere di Natale che i bambini, e in qualche caso anche gli adulti, hanno inviato.

Caro Babbo Natale,
sono un bambino di 5 anni e frequento la prima elementare. Faccio sempre i compiti, sono felice di andare a scuola e prendo sempre bravissimo alle interrogazioni.
Durante tutto l’anno mi sono comportato bene con la mamma e il papà. Potresti regalarmi per favore la playstation nuova che mi piace tanto?
A novembre mi è nata una sorellina. Lei è piccola e non sa ancora scrivere, ma penso che le piacerebbe avere una bambola e un ciuccio nuovo. Potresti portarglieli per favore?
Davanti al camino troverai un bicchiere di latte e un piattino di biscotti, così li potrai mangiare prima di ripartire. Se sei stanco puoi riposarti sulla poltrona, ho messo una coperta se hai freddo.
Ti voglio tanto bene.

Caro Babbo Natale,
sono un bambino di 6 anni e sono in seconda elementare.
Sono un bravo bambino, ma non mi piace tanto andare a scuola, perché il mio compagno di banco Luca mi ruba sempre la penna colorata di X Man. Io a volte lo sgrido perché lui fa il prepotente, ma lui continua.
Potrei avere qualche regalo, anche se a volte mi arrabbio con Luca? Mi piacerebbe la wii per giocare ai giochi sportivi e un cane vero, come quello che avevo visto al canile.
E poi potresti portarmi anche una penna di X Man così la regalo al mio compagno Luca che così non me la ruba più?
Ti mando un bacio grosso grosso

Caro Babbo Natale,
sono una ragazza di 25. Forse sono troppo grande per scriverti, alla mia età non dovrei credere più a Babbo Natale. A volte, però, nella vita accadono cose che ti fanno venire voglia di ricominciare a credere anche nell’impossibile. Ricordo la felicità delle mattine di Natale, quando scartavo i regali che mi avevi portato. È con la stessa fiducia che adesso mi rivolgo di nuovo a te. Ho una laurea e tante esperienze pregresse. Ho inviato centinaia di domande di lavoro, ma tutti mi rispondono che il periodo di crisi che stiamo attraversando non permette nuove assunzioni, anche se il mio curriculum è molto interessante.
Che ne sarà di noi poveri giovani in cerca di lavoro? La situazione economica è veramente tragica e la scarsità di lavoro ci rende schiavi della dipendenza dai genitori. Sono convinta che sia pieno diritto di ognuno avere un lavoro e una propria vita autonoma e indipendente. Che ne dici, caro Babbo Natale, puoi fare qualcosa per aiutare noi giovani, futuro dell’umanità?
So che è difficile, ma tu provaci, ok? Sei rimasto l’unica speranza.
Grazie
Ti voglio bene

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine