Il Mercatino Natalizio di Bolzano

Il Mercatino di Natale di Bolzano

Uno dei mercatini storici che abbiamo in Italia è il mercatino di Bolzano, un vero e proprio mercatino natalizio tradizionale, pienamente inserito nella cultura folcloristica dei mercatini teutonici. Centinaia di luci illuminano il centro e le vie dello storico Christkindlmarkt, il mercatino del bambino Gesù.

A Bolzano il mercatino risente profondamente della storica tradizione di Germania e Austria, e i prodotti tipici si confondono fra quelli di casa e quelli di “importazione”.

La piazza della città, piazza Walther si riempie di odori e sapori che sono un incrocio di patrimoni di conoscenze e tradizioni, e il crocevia fa da teatro ad un incontro della cultura Mitteleuropea con quella Mediterranea, insomma Bolzano offre un evento unico nel panorama dei mercatini natalizi tradizionali. Le oltre ottanta bancarelle ogni anno attirano una quantità di turisti, attratti non solo dal fascino dell’evento prenatalizio, ma anche dalla fascinosa posizione della città, incastonata in un ambiente Alpino davvero suggestivo.

La nascita di questo evento risale agli anni ottanta, quando si cercò di arginare il flusso di visitatori italiani che invadevano letteralmente la città di Norimberga, la città diede così vita a questo mercatino che in poco più di vent’anni è divenuto un vero e proprio polo culturale, dal 2005 poi l’evento ha superato la soglia del milione di visitatori, un vero e proprio record, se si pensa che le città storiche come Dresda, o la citata Norimberga richiamano un pubblico non di molto superiore a quello di Bolzano.

L’evento del mercatino è coronato da tutta una serie di eventi e manifestazioni, molte rivolte ai bambini, altre riservate agli adulti; la musica e gli spettacoli di piazza non mancano, come pure gli eventi sponsorizzati, le mostre e le iniziative culturali: c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Le bancarelle addobbate a festa invadono il centro e tutte le vie si riempiono di un caleidoscopio di sapori e odori, di prodotti artigianali frutto di un incrocio di usi e costumi davvero insolito.

Il vin brulè è padrone delle vie, come pure i dolci, dalle mele candite, alle mandorle tostate alla cioccolata calda. Le vie della città durante il week end vengono letteralmente prese d’assalto dai turisti e l’iniziativa diviene non solo un momento di riconferma della tradizione natalizia, ma anche un’ottima fonte di guadagno.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine